Spätzle d’autunno

Sposare un uomo padano ha i suoi vantaggi, specie quando si parla di cucina. Io sono fortunata, lo ammetto, perché non solo mi ritrovo a gustare piatti tipici del Nord per lo più ignoti a noi meridionali, ma ho il privilegio di assaggiare versioni del tutto inedite, frutto di quella testolina rotonda d’ Er Cotoletta, mio marito appunto 🙂

Cosa sono gli Spatzles? La parola proviene dal dialetto Svevo e significa piccolo passero, si tratta di gnocchetti realizzati con farina, uova e acqua tagliati a mano mediante una speciale tecnica o con un arnese molto simile ad una grattugia a fori larghi e ovali, in questo caso prendono il nome di Knöpfle. Giusto per far la saputella vi comunico che in italiano vengono chiamati Troffi 🙂

Comunque li vogliate chiamare, eccoli qui, belli vero? Bene, tiratevi su le maniche che oggi si mangia Tirolese allora:)

Spatzle

Ingredienti per 4 persone:

  • Farina ( se volete potete usare un p0′ di grano saraceno per renderli più ruvidi)
  • una busta di valeriana (250 gr)
  • 1 uovo
  • latte circa 2 cucchiai
  • sale
  • noce moscata

Procedimento

Frullate tutto insieme fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Non metto di proposito le quantità precise in quanto l’impasto può variare a seconda della grandezza delle uova e della verdura. Aggiungete tanta farina quanta ne serve per ottenere un impasto di consistenza tale da cadere dal cucchiaio ma non troppo liquida. ( tipo impasto per torte)

Versate l’impasto nell’arnese apposito e tagliate in modo da ottenere degli gnocchetti.

Se vi sembra troppo complicato o preferite comunque risparmiare tempo, trovate gli Spätzle al banco frigo di qualunque supermercato, se così non fosse avvertitemi che li cazzio! Comprate quelli verdi che sono a base di spinaci, andranno benissimo 🙂

Ingredienti per la salsa:

  • olio e burro
  • una mela
  • noci a piacere
  • uno spicchio d’aglio
  • 2 bacche di ginepro
  • q.b. formaggio a pasta dura

Procedimento:

Scaldate l’olio con il burro profumandoli con uno spicchio d’aglio e le bacche di ginepro, quando l’aglio sarà biondo levatelo e aggiungete la mela tagliata a cubetti. Aggiustate di sale e versatevi gli Spätzle che avrete cotto in acqua salata per qualche minuto (come qualsiasi pasta fresca) e saltateli con un abbondante formaggio a pasta dura tipo il Montasio.

Spegnete il fuoco, spargete le noci, spolverate con pepe e servite caldi.

Io vi avverto, sono una bomba ma ammappate se so’ boni!

4 commenti su “Spätzle d’autunno

  1. Pingback: Spätzle d’autunno | jekoland

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...