Fermo immagine di una vacanza

Sono soli 3 giorni che sono arrivata a Leros e già il mondo appare ai miei occhi curioso ed inaspettato come può esserlo  agli occhi di un bambino.

Con il primo libro prescelto per questa vacanza, il sapore dell’ozio non si è fatto aspettare. Albert Borris ed “Il club dei suicidi” sono stati degni compagni di una mente rallentata dal viaggio che necessitava di una lettura leggera che “ci conducesse” dritti dritti tra le braccia di un affettuoso sole di inizio estate.

In nemmeno 48 ore il libro è diventato un lontano ricordo ed i miei occhi hanno cominciato a gironzolare animati di curiosità alla ricerca di piccole emozioni che scrivessero la storia di questa estate. Armata della mia nuova compagna d’avventura mi sono imbattuta in attimi di sincero stupore nel rinnovare il mio amore per Leros ed i suoi abitanti.

Benvenuti !

Pescatori alle prese con la cattura di un polipo o un dèja’ vu?

La cattura del polipo in una posa degna di un dio greco

la felicità diventa un pensiero leggero leggero, questo è il mio jekoland!

Annunci